monaco_nella_foresta

Disse il Buddha: «Mantenetevi disboscati!»

Una volta il Buddha disse «Abbattete la foresta». Alcuni novizi lo presero alla lettera e cominciarono ad abbattere gli alberi, perciò aggiunse: «Non gli alberi veri!». La foresta è una metafora per le passioni grosse, il sottobosco per quelle sottili. «Mantenersi disboscati» vuol dire restare liberi da passioni. Nel testo pāḷi c’è un calembour: «Disboscati» si dice «nibbanā»; il gioco di parole con «nibbāna», il termine che indica l’estinzione del fuoco della passione non è certo casuale.

vanaṃ chindatha mā rukkhaṃ
vanato jāyate bhayaṃ
chetvā vanaṃ ca vanathaṃ
ca nibbanā hotha bhikkhave
(Dhammapada, 283)

Abbattete la foresta del desiderio, non gli alberi veri!
Dalla foresta del desiderio promanano pericolo e paura.
Quando avrete tagliato la foresta e il sottobosco,
mantenetevi disboscati, o monaci.

(Dhammapada, 283)